"L'oliva ascolana e Ascoliva attraggono persone da tutto il mondo: lo confermano i dati&quo


“Siamo qui a parlare di Ascoliva Festival 2016, fondamentalmente per lanciare un preciso messaggio: Ascoli come capitale dell’oliva è un segnale forte che funziona e attira la curiosità di tutto il mondo”. Questo il segnale lanciato dagli organizzatori del festival mondiale dell’oliva ripiena all’ascolana che arriva ormai alla sua quarta edizione dopo le oltre 36 mila degustazioni dello scorso anno.

“L’obiettivo di Ascoliva e della città è qualcosa che gradualmente stiamo davvero centrando – afferma Massimo Di Ferdinando insieme a Luciano Maravalli - e a confermarlo ci sono i dati. Adesso bisogna crederci tutti perché si possono creare ricadute importanti per il territorio”.

Innanzitutto, ripartendo dall’evento, l’organizzazione ha voluto ufficializzare le prime due novità della quarta edizione di Ascoliva Festival: la manifestazione durerà più degli altri anni, passando da 9 a 12 giorni, ovvero per il periodo 10-21 agosto e, altra novità, protagonista di questa edizione, con modalità che saranno illustrate successivamente, sarà l’oliva ripiena ascolana del Piceno Dop, ovvero l’originale oliva ripiena ascolana a denominazione di origine protetta. E anche di oliva Dop si parlerà nel programma culturale che affiancherà come sempre la parte prettamente gastronomica e che verrà illustrato nel dettaglio in seguito, insieme ad altre importanti novità in cantiere sia a livello turistico che per eventi collaterali. Inoltre, piazza Arringo tornerà ad ospitare il Villaggio dell’oliva come lo scorso anno, con circa venti espositori tra produttori locali delle olive all’ascolana e di altri 16 piatti del territorio (affiancati da uno stand del Consorzio di tutela dei vini piceni) e tanti altri espositori di prodotti tipici locali, dal vino all’olio, al tartufo, ai dolci tradizionali ed altro ancora (nell’area Expoliva). L’idea portante resta quella di mettere in vetrina tutte le eccellenze enogastronomiche del territorio attraverso il forte appeal dell’oliva.

“Ma in questa occasione, - aggiunge Di Ferdinando – come detto, vogliamo evidenziare in particolare un aspetto molto importante che è quello della grande attrattività dell’oliva ascolana e del nostro evento a livello nazionale ed internazionale. Dopo i primi tre anni, riscontriamo un grande interesse per Ascoliva Festival e possiamo veramente affermare che mai come in questa fase la manifestazione è conosciuta in diversi Paesi del mondo, sebbene a livello locale forse non se ne abbia la reale percezione. L’ultimo esempio è l’e-mail arrivataci proprio domenica scorsa da un gruppo di australiani che ci hanno chiesto le date di Ascoliva per il 2017, perché vogliono venire in Italia ed in particolare ad Ascoli per l’evento. L’abbiamo anche pubblicata sulla nostra pagina facebook…”.

La manifestazione è molto seguita da tutti i media settoriali, sia a livello web che da riviste, giornali e pubblicazioni cartacee a livello nazionale, ma abbiamo anche dei riscontri dettagliati diretti che arrivano proprio dalla pagina facebook ufficiale dell’evento.

Dati relativi ai riscontri sulla visibilità di Ascoliva e sull’attrattività dell’oliva ascolana

Ben 46 mila persone (45.999, da tutto il mondo) hanno visto il primo post di questa edizione sulla pagina facebook di Ascoliva Festival, appena uscito, il 9 maggio scorso, su Ascoli capitale dell'oliva.

E, sempre secondo i dati sulla pagina facebook ufficiale della manifestazione riferiti allo scorso mese di maggio, erano 58.857 gli italiani ad aver visualizzato e seguito i nostri messaggi, cui si aggiungevano 630 persone dal Canada, 568 dagli Stati Uniti, 451 dalla Germania, 445 dal Regno Unito, 339 alla Francia, 301 dalla Spagna 293 dalla Svizzera, 286 dal Belgio, 217 dall’Australia, 128 dall’Argentina, 131 dalla Romania ed altri Paesi in misura minore.

Per quel che riguarda nello specifico il dato italiano, in migliaia seguono Ascoliva da ogni parte d’Italia, con Roma che fa la parte del leone con 5813 contatti, Milano con 1395, Teramo con 1039, Ancona 906, Bologna 585, Pescara 551 ed altre città ancora con dati a decrescere. Per questi motivi, quest’anno, tutti riferimenti informativi dell’evento, dal sito web alla guida ufficiale (che sarà distribuita lungo la costa adriatica), avranno una versione anche in lingua inglese.


Archive
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Follow Us
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon